Il progetto

Il progetto

Il progetto Brescia Città del Noi è realizzato dal COMUNE DI BRESCIA, Assessorato alle Politiche per la Famiglia, la Persona e la Sanità in partenariato con AUSER VOLONTARIATO BRESCIA, CO.LIBRÌ SOC. COOP. ONLUS,  CENTRO STUDI SOCIALIS, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA, UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE SEDE DI BRESCIA e riguarda la città nel suo complesso. Finanziato con il contributo di Fondazione Cariplo – Bando Welfare di Comunità e Innovazione Sociale II  edizione – e cofinanziato dal Comune capofila e dai partner di progetto, ha preso avvio a maggio 2016 ed avrà una durata triennale. Brescia Città del Noi è un progetto di sistema che ha l’obiettivo generale di contribuire a trasformare l’impianto dei servizi sociali della città per (ri)costruire una reale capacità di risposta diffusa, equa e universalistica, grazie ad una visione e strategia comuni e ad un nuovo approccio responsabile, comunitario, solidale e organizzato.

Nell’intento di passare dal welfare dell’amministrazione al welfare della comunità cittadina, il progetto si rivolge a tutta la città con l’obiettivo di innescare un’evoluzione significativa nel segno dell’universalismo e dell’equità. In questo senso i beneficiari saranno, direttamente o indirettamente, tutti i cittadini che godranno di un miglioramento dei servizi e di una loro maggior diffusione sul territorio.

La città

background

Il progetto agisce sulle 5 zone e i 33 quartieri della città. Ciascun quartiere ha caratteristiche proprie e differenti relativamente a popolazione residente ed a presenza di servizi di welfare. La città ha vissuto negli ultimi anni forti cambiamenti dal punto di vista demografico:

la natalità è in generale in forte calo, con una sempre maggiore percentuale di neonati stranieri; diminuisce la domanda di asilo nido, mentre grande risposta trova la proposta di servizi alternativi più leggeri (Tempo per le famiglie)

è aumentata la popolazione anziana in condizioni di fragilità personale e condizioni di solitudine e bisogno socio-sanitario

il numero delle persone con disabilità in uscita dalla scuola e necessitante di servizi diurni e residenziali è in continuo aumento

la città è caratterizzata da una forte presenza di popolazione straniera, con una presenza importante  nelle fasce di età dei minori che richiede attenzione in termini di richieste e bisogni che la popolazione nel suo insieme esprime

Le azioni ed i cantieri di progetto

infograficabresciacittadelnoi

Brescia città del Noi prevede l’attivazione di specifiche Azioni – Cantieri con l’obiettivo di:

  • creare maggior protagonismo da parte della comunità e cittadinanza
  • svolgere una vocazione – funzione preventiva e di contrasto alle condizioni di disagio sociale, cherafforzino la comunità, il suo tessuto connettivo, e la rendano capace di favorire stili di vita socialmente utili
  • garantire la realizzabilità e continuità di azione nel tempo per ottimizzare le risorse e valorizzare la capacità dei soggetti coinvolti
  • ricercare condizioni di sostenibilità e possibilità di finanziamento anche esterno alla Amministrazione
  • realizzare azioni innovative ed integrate in ottica sistemica, con l’obiettivo di produrre effetti di welfare di comunità.

Le azioni sono improntate ai principi di FLESSIBILITÀSOSTENIBILITÀINNOVAZIONE

AZIONE INTEGRATA DI ALLINEAMENTO, GOVERNANCE E INTEGRAZIONE

Veicolare le attività di progetto nel fluire dei processi di trasformazione del welfare cittadino, assicurare un corretto assetto di governance, di monitoraggio e di coordinamento della gestione specifica e generale. Potenziare le reti di solidarietà tra i cittadini e le alleanze tra pubblico e privato nel rispondere in modo innovativo ai bisogni delle persone.

CANTIERE LA FORZA DELLA COMUNITÀ

Valorizzare le risorse comunitarie e la messa in rete dei servizi pubblici e di terzo settore al fine di realizzare un welfare diffuso e partecipato, una comunità coesa ed un sistema di servizi equo ed universalistico, governato dai principi di responsabilità e solidarietà basato sulla riorganizzazione territoriale della rete di contatto con i cittadini, con la città e le sue organizzazioni. Iniziative volte a costruire un nuovo e più evoluto sistema di relazioni con le forze vive della città nella costante ricerca e promozione di innovazione ed efficienza nella produzione dei servizi.

CANTIERE PRIMA INFANZIA

Offrire alle famiglie servizi flessibili innovativi che sappiano intercettare in modo più capillare i bisogni educativi, di cura e crescita dei bambini ed innovare le modalità di risposta della pubblica amministrazione e del terzo settore per la fascia 0-3 anni.

CANTIERE VIVI IL QUARTIERE E OFFICINA GIOVANI

Promuovere in città nuovi servizi innovativi che sappiano riconoscere il protagonismo dei ragazzi e dei giovani, sviluppino una nuova capacità di risposta nei soggetti del terzo settore e favoriscono l’attenzione degli adulti sul benessere delle nuove generazioni di cittadini ai giovani nella fascia 14-29 anni, tra i quali i NEET (Not engaged in Education, Employment or Training)

CANTIERE LE 100 LEVE PER LA CITTÀ

Offrire ai giovani opportunità di crescita e sviluppo delle proprie competenze e conoscenze mediante la collaborazione con i soggetti del Terzo Settore che accogliendoli sappiano accrescere a loro volta le loro competenze e capacità di risposta, offrendo loro la possibilità del servizio civile nel triennio

CANTIERE CONTRASTO ALLA POVERTÀ, IMPEGNO SOCIALE E PROMOZIONE AL LAVORO

Favorire la collaborazione tra i soggetti che si occupano della grave emarginazione facilitando lo scambio di informazioni e buone prassi, innovare le modalità di risposta favorendo il riconoscimento della dignità della persona quale protagonista del proprio cambiamento. Intercettare un gruppo target di persone adulte in stato di disagio e grave emarginazione, ma con abilità lavorative residue che hanno perso lavoro e che vivono conseguenti situazioni di difficoltà

CANTIERE SERVIZI INNOVATIVI PER ANZIANI E DISABILI

Porre attenzione e risposte alla popolazione dai 65 anni in poi, in particolare gli anziani più fragili (gli over 75anni) in condizioni di solitudine e senza rete parentale implementare nuovi servizi alloggiativi rivolti a persone con disabilità per favorire occasioni di vita indipendente, grazie anche ad un nuovo e forte coinvolgimento della comunità locale.

Le agenzie strategiche al servizio del progetto

Per realizzare gli obiettivi del progetto ed a supporto delle azioni previste e delle attività dei Cantieri Brescia città del Noi si avvale delle esperienze e competenze di Agenzie strategiche di innovazione:

AGENZIA DI GOVERNANCE

 di cui è referente il partner di progetto Auser Volontariato Brescia, agisce a supporto della gestione operativa e degli organismi di progetto, attua la supervisione scientifica delle azioni nel rispetto della coerenza degli obiettivi di ciascuna azione-cantiere, predispone e verifica il monitoraggio dell’avanzamento tecnico ed amministrativo del progetto e l’aggiornamento continuo dei piani di dettaglio delle azioni.

AGENZIA CONOSCENZA E INFORMAZIONE

di cui sono referenti i partner di progetto Università Statale di Brescia e Socialis, attiva ricerca e analisi sui bisogni e sull’offerta dei servizi, INDIVIDUA SELEZIONA E RIPROPONE raccoglie buone prassi ed esperienze di innovazione che possano utilmente essere riprodotte a Brescia; realizza in collaborazione con gli operatori del Comune il Bilancio sociale “partecipativo” riguardante l’intera attività dell’Area Sociale; trasmette i contenuti emersi dalle ricerche per arricchire il bagaglio di conoscenze degli operatori del welfare cittadino (pubblici o privati) e per coinvolgere nella riflessione la città e le istituzioni.

AGENZIA SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

di cui è referente il partner di progetto Università Cattolica di Brescia, agisce sul cambiamento richiesto anche agli  operatori comunali, ai diversi livelli, nell’identificazione di ruolo, delle professionalità e modalità di intervento. Propone azioni formative e di accompagnamento, attraverso un metodo partecipato e attivo, finalizzati a sviluppare visioni, competenze, abilità strategiche nuove finalizzate al progetto ed alle strategie di welfare di comunità.

AGENZIA COMUNICAZIONE E FUND/PEOPLE RAISING

di cui è referente il partner di progetto la Cooperativa Sociale Co.librì, che svilupperà azioni di comunicazione che diano visibilità al progetto promuovendo la mobilitazione della cittadinanza e la fiducia nelle istituzioni cittadine. Un welfare in azione  pensato per attivare tutte le risorse del sistema, delle organizzazioni, ma anche dei singoli cittadini. Risorse in termini di visione critica, di idee, di proposte, di suggerimenti ed anche solidarietà, donazioni e apporti in termini di risorse economiche ed umane (Fund raising e People raising) per creare una  cultura del dono per e nella città.

AGENZIA FINANZA

di cui è referente il partner di progetto Socialis, che realizzerà una prima fase di studio di percorsi ed interventi adeguati, per struttura, consistenza e modalità operative, alle esigenze di un welfare cittadino in crescita e trasformazione. 

LA RETE DI PROGETTO

 Ad oggi sono riuniti in un Accordo di rete di progetto: ACLI provinciale di Brescia, ANFFAS Brescia, ANOLF, Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus, Associazione Dignità e Lavoro, AUSER Rete Brescia, Centro Oratori Bresciani, CGIL Brescia, CISL Brescia, UIL Brescia,CONFCOOPERATIVE Unione provinciale di Brescia, Congrega della Carità Apostolica, CSV Brescia, Coop. sociale Il Calabrone, Fondazione ASM.